Vivere Roma sostenibile e con l’ arte: “Archeorunning” ci dimostra che é possibile.

Una delle ultime sfide in fatto di sostenibilitá riguarda il vivere la cittá, soprattutto le metropoli, in maniera sempre piú sostenibile, partendo dal territorio e apportando una serie di soluzioni quali la mobilità a basso impatto, la gestione attenta del territorio, maggiori aree di verde pubblico, le tecnologie integrate e il controllo delle emissioni inquinanti. Parlare di sostenibilitá per chi vive a Roma sembrerebbe quasi utopico, eppure la giovane Isabella Diana Calidonna -giovane storica dell’arte di origini calabresi, ma romana d’adozione – non solo ha pensato a una soluzione sostenibile per la cittá, ma ci ha costruito su il progetto della sua vita: Archeorunning che unisce la corsa alla cultura.

Archeorunning- Running tour and walking tour a Roma ©Isabella Diana Calidonna

Questo è quello che ci ha raccontato. “Molto spesso mi viene chiesto come è nata l’idea di ArcheoRunning, poiché molti ne rimangono affascinati. Io rispondo che è nata con una scommessa, un’intuizione scaturita da indizi che raccoglievo per strada quando, per lavoro, mi ritrovavo all’alba in giro per la città e vedevo runner, italiani e stranieri, che seguivano i segmenti di alcune app GPS che avevano sul loro cellulare. Così ho deciso nel 2016 di dare vita al progetto. Le tappe fondamentali sono state queste: nel 2013 dalla Calabria mi trasferisco a Roma e inizio subito a lavorare come guida interna al Colosseo. Nel 2014 scopro il fantastico mondo della corsa e divento una runner (poi anche maratoneta e triatleta). Nel 2015 decido di abilitarmi alla professione, diventando una guida turistica. Esattamente un anno dopo è nata la mia idea, che univa le mie passioni, spinta anche da amici che un giorno mi chiesero: “Perché non fai visite guidate correndo?” Risposi a me stessa: “Perché no!”. A questo mancava qualcosa che avrebbe chiuso il cerchio e reso tutto perfetto. Decisi di intraprendere un lungo studio professionale, diventando tecnico Fidal e preparatore fisico Coni. Una sicurezza in più per i miei clienti. Una marcia in più per il progetto, così da renderlo unico nel suo genere, poiché offre running tour e walking tour eseguiti da una professionista certificata, quindi sicuri sotto tutti gli aspetti. Il motto che lo caratterizza è Carpe Diem, infatti una semplice pausa diventa un momento per riprendere fiato e lasciarsi trasportare dalle emozioni e dalle parole. Fermarsi a respirare e cogliere l’attimo del momento. Abbandonare il pensiero della vita frenetica e vivere un momento memorabile, così da rendere più solido il legame tra arte, sport, corsa e movimento dolce in maniera del tutto sostenibile. Ricerca del dettaglio e turista al centro dell’esperienza sono la mission di ArcheoRunning.

Purtoppo il COVID19 ha portato via un po’ di speranze, poca cosa rispetto a chi ha perso qualcosa di più prezioso. Piccola “giovane” imprenditrice Donna, senza nessuna grande agenzia alle spalle, stavo iniziando a farmi conoscere e apprezzare. Questo stop ha creato non pochi problemi, ma non mollo. Da buona calabra e ariete (segno zodiacale, ma anche macchina da guerra) mi sto concentrando sulla ripresa. Mi manca tanto il mio lavoro e non sto parlando della componente economica. Mi manca il contatto, anche solo visivo con le persone. Nutrirmi della loro luce, dei loro sorrisi. Per me, timida e introversa, questo lavoro e il progetto che ne è scaturito, sono stati un toccasana. Sono cambiata, la corsa mi ha cambiata in meglio. Ancor di più perché a questo ho unito l’amore per la storia dell’arte, la storia romana e la città di Roma. Nonostante tutto vado avanti e come dice Queen Elisabeth II “we will succeed – and that success will belong to every one of us”.

Isabella Calidonna, classe 1981. Dopo la laurea in Conservazione dei Beni Culturali, vince il concorso per la Scuola di Specializzazione in Storia dell’arte presso l’Università degli Studi di Siena. Si diploma con una tesi su Diana Scultori, prima donna incisore della storia dell’arte. Il suo campo di studi è proprio quello dell’arte al femminile, con la quale ha iniziato a rapportarsi dai primi studi universitari. Ha approfonditamente studiato Sofonisba Anguissola, Diana Scultori, Rosa Rosà, Antonietta Raphael e molte altre. Vive e lavora a Roma dove si è reinventata Guida Turistica, continuando le sue ricerche sulla figura femminile nella storia dell’arte come freelance.